Skip navigation

Category Archives: esordienti

recensione di Daze


TH1RTEEN R3ASONS WHY

Raccontare una storia a volte è salutare. Raccontare una storia, estranea, rende liberi. Ma se ti incatenasse maggiormente a quella che è una realtà? Se servisse solo ad esprimere e spiegare quel che è già un fatto?

Clay Jensen tornando a casa da scuola, trova un pacchetto, non più grande di ua scatola di scarpe, sulla porta di casa. Ricevere posta inaspettata può essere piacevole, rendere la giornata migliore o renderla un incubo. Clay non è stato l’unico e non sarà l’ultimo a ricevere questo pacchetto.

13. Persone. Storie. Intrecci. 13 passi verso l’abisso.

Aprendo il pacco, Clay, si trova davanti 7 cassette numerate per lato con smalto per unghie blu. Da 1 a 13. Nessun mittente, nessun indizio. Un gioco? Non proprio, o quasi. C’è chi pensa che le proprie azioni non abbiano conseguenze. E invece. Invece, eccole qui registrate, una per una. 13, appunto.

Clay, cerca incuriosito un lettore di audiocassette, ne trova uno, impolverato e comprato in un garage sale, per pochi dollari. Schiaccia play e il tempo si riavvolge. Non è musica quella che sta per ascoltare, ma potrebbe esserlo. Una poesia, crudele. Una voce, quella di Hanna Baker suicidatasi due settimane prima. Sembra di trovarsi davanti un fantasma, un cadavere, un odore nauseabondo. Ma Clay va avanti. Perchè sembra l’unica cosa possibile da farsi. Hannah spiega, come regole di un gioco, la presenza delle cassette. Ed è lì che Clay ha paura quanta mai ne ha provata in vita sua. Hannah introduce agli ascoltatori la sua vita o meglio, la fine delle sua vita. Quei 13 passi verso l’abisso. Passi in solitudine con la vergogna e la paura addosso. Tutti colpevoli. Tutti? Clay non può crederci, lui l’amava o almeno avrebbe voluto provarci.

E’ così che comincia questo libro e ti incatena. Come sono incatenati i 13 protagonisti della vita di Hannah. Segui Clay, lo segui e corri e vorresti piangere e urlare e fermare il tempo e tornate indietro nel tempo. Aver scoperto prima tutto, aver sofferto con lei, non aver ignorato. Provi schifoe orroreper ciò che ti circonda ma ormai è tardi. E non sei più lo stesso.

Insomma, 13, non è quello promesso dalla trama italiana, è molto di più. Non un thriller psicologico ma un percorso, di solitudine e abbandono totali. E’ spietato, ma non cattivo. Perchè tutti noi abbiamo un peso nella vita del prossimo che non possiamo ignorare. E tutti noi facciamo stronzate più o meno gravi ma, tutto.e.sempre.ha. una conseguenza.

Shh!… Se sei in biblioteca.
Shh!… Al cinema o in chiesa.
A volte non c’è nessuno che ti dica di stare zitto… zittissimo. A volte hai bisogno di stare in silenzio, anche se sei da solo. Come me, adesso.
Shh!
Per esempio è meglio essere silenziosi – estremamente silenziosi – se si vuole spiare qualcuno di nascosto. Cosa succederebbe se la gente lo sapesse?
E se lei… e se io… lo venissimo a sapere?
Indovina un po’, Tyler Down? Beccato!

Elenco case editrice a cui inviare manoscritti di narrativa di genere,nascosti nel cassetto:

1-Rizzoli 24/7
2-Elliot edizione.Nuova collana Heroes
3-Einaudi stile libero
4-Fazi editore
5-Fernandel
6-Fandago
7-Las vegas edizioni
8-eumeswil
9-zandegu
10-Coniglio editore

Vi consiglio di legere un simpaticissimo volume di 255 pagine, scritto da Mariano Sabatini.
Si chiama “Trucchi d’autore” (ed. Nutrimenti, 2005) e racconta un viaggio tra i rituali di 50 scrittori italiani alle prese con la pagina bianca, con le scadenze e con le idee da mettere insieme, per scoprire cosa “c’è dietro” la stesura di un libro, quali sono i modi e i tempi, ma anche i vizi e gli sfizi degli autori.
Così, nell’agile lettura, si scopre che Faletti scrive con la pipa in bocca, mentre Camilleri scrive solo dalle 8.00 alle 10.30, Valerio Massimo Manfredi scrive di notte in un ambiente “tetro” che influenza molto i suoi gialli nell’Antica Roma, così come Giancarlo de Cataldo si ispira molto alle cose che vede mentre passeggia con il suo cane, Aldo Nove prima di iniziare a scrivere fa le ricerche sui volumi di Piero Angela.
All’interno, nelle 50 interviste, i lettori soddisfano le loro curiosità, gli aspiranti scrittori potranno anche apprendere consigli sui tempi giusti di scrittura e ri-lettura, sulla fobia della pagina bianca, sull’approccio con gli editori e l’attesa della risposta.

Trucchi d’autore
Sabatini Mariano
Ed. Nutrimenti
255 pagine – € 10,00

Racconta perchè vorresti leggere il libro “Di mattina presto, a digiuno“

e manda una mail a: 9muse@9muse.net:

in palio 10 copie per le motivazioni più curiose e interessanti.Hai tempo fino al 30 giugno 2008.
I vincitori e le rispettive motivazioni saranno pubblicati su:
edizioni9muse.wordpress.com
entro il 15 luglio 2008.


intervista a Paola Boni:Nata a Roma il 24 dicembre del 1986, Paola Boni ha da sempre coltivato un profondo amore per la scrittura. Dopo essersi dedicata a lungo al fantasy tradizionale, Paola, entrata in contatto con i romanzi di Laurell K. Hamilton e Anne Rice, rimane affascinata dalla letteratura vampirica dimostrando poi una naturale predisposizione per la narrativa fantastica dove prevalgono suggestioni e atmosfere romantiche e dark.
Terminato il corso di Scrittura Creativa tenuto da Alda Teodorani presso la Scuola Internazionale di Comix, si è dedicata alla stesura finale di Black Angel, suo primo romanzo ancora inedito

1)Paola una “scrittrice sommersa”.
Come si si sviluppa l’idea di scrittori sommersi e l’antologia che raccoglie i diversi racconti?
Il progetto degli Scrittori Sommersi si è sviluppato su internet con l’intento di creare una rete di reciproco aiuto tra scrittori. Col tempo, vogliamo diventare un sostegno per tutti quei giovani scrittori che desiderano emergere nell’ambiente letterario senza essere costretti a pagare per vedere la propria opera pubblicata. L’antologia è nata proprio come primo passo di questo nostro progetto, una sorta di biglietto da visita in cui ognuno di noi ha potuto esprimere liberamente il proprio modo di scrivere e ora ci stiamo ampliano anche attraverso la realizzazione di una rivista e un progetto di collaborazione con autori che hanno difficoltà a promuovere le proprie opere.

2) come sono nati i tuoi “Dark Sensation” e “Ascension”?
Dopo aver scritto Black Angel, i miei personaggi erano diventati così vividi nella mia mente, che ho cominciato a desiderare di sviluppare le loro vite anche al di là del romanzo. Ognuno di loro aveva delle storie che li hanno segnati in maniera profonda e questi due racconti, nonché altri ancora in fase di stesura, sono nati proprio dal mio profondo desiderio di raccontarle.

2)Per ogni scrittore esiste un momento e un motivo specifico in cui ci si è avvicinati alla scrittura. E per Paola Boni?
Ricordo ancora vividamente il momento in cui ho iniziato a scrivere, avrò avuto si e no tredici anni. Ho capito fin dall’inizio che era quella la cosa che avrei amato più di ogni altra al mondo. Il motivo non saprei dirlo con precisione… Forse avevo semplicemente tante cose da dire e ho trovato un meraviglioso modo per farlo.

3) Ti ispiri a qualche scrittore particolare e in tal caso che tipo di lettrice sei?
Sicuramente, le due scrittrici che più hanno influenzato la mia scrittura, sono Laurell K. Hamilton e Alda Teodorani la prima perché è grazie a lei che è nata la mia passione per i vampiri, la seconda perché mi ha permesso di maturare notevolmente sia come scrittrice che come persona. Riguardo alle mie letture devo dire che pur prediligendo i romanzi horror e fantasy, trovo che a volte, accostarsi anche a generi che non sono per forza i propri, sia un buon modo per aprire la mente e trovare magari, nuove fonti di ispirazione.

4)Sulla tua pagina My space e su Anobi si parla moltissimo del tuo primo romanzo (in cerca di editore);Black Angel, una storia dark romantica. Vorresti raccontarci qualcosa di più?
Paola, protagonista di Black Angel, pur vivendo un’esistenza piuttosto normale si è sempre distante dalle sue coetanee, spaventata dalla sua diversità a cui non riesce a dare un senso. In un sola notte viene trascinata in una realtà di violenza e perversione, dall’incontro con Lucas, Lord della Comunità di vampiri di Roma, a causa della sua natura di veggente in grado di percepire l’invisibile e immune ai poteri dei vampiri. Immediatamente, scatta tra i due un gioco di seduzione, che si carica sempre più di forte erotismo. All’inizio lei è molto spaventata dall’oscuro mondo in cui è stata coinvolta suo malgrado. Per questo, pur sentendosi profondamente attratta da lui, rifiuta Lucas con decisione. Sa che amarlo vorrebbe dire rinunciare a quella normalità che tanto desidera ma alla quale però si era sempre sentita estranea. Col tempo però si troverà costretta a crescere e a sporcarsi le mani per sopravvivere e, inevitabilmente, a instaurare con Lucas un pericoloso legame di sangue. C’è molto della mia protagonista, in me, e penso che siano molte le ragazze capaci di rispecchiarsi in lei, nelle sue paure, nella sua fragilità, ma anche in quella determinazione e quella forza grazie alle quali riesce a prendere decisioni a volte davvero troppo dure.

5) L’ultima domanda è una domanda creativa:Paola è anche la protagonista del romanzo,oltre che il tuo nome, ma se fossi tu a incontrare un vampiro?
In effetti ne ho conosciuti un paio… No, scherzi a parte, penso che prima di tutto cercherei di ricominciare a respirare e di far rallentare il cuore. Ammetto che mi ci vorrebbe un po’ per riuscire a vincere la mia eccessiva, naturale timidezza ma credo che poi mi sentirei a mio agio, penso che mi
ci troverei davvero molto in sintonia.

Complimenti a Paola e grazie per aver partecipato a questa intervista.
Per quanto mi riguarda sono certa che un buon editore non si lascerà scappare questa giovane scrittrice.
….quasi dimenticavo, se dovessi incontrare un vampiro io scapperei a gambe levate.

Scrittori sommersi
Paola web site

La Jar edizioni si racconta:
L’ideaPartire da un progetto, realizzare un sogno, credere in una passione che, anche se si è provato a combatterla ha continuato a vincere, insieme a scuotere la testa quando nelle orecchie continuano a risuonare parole come “fallimento assicurato”, “non sopravvive nessuno”, “è una follia”, tutto questo significa aprire una Casa editrice oggi.
La crescita
Non siamo semplici sognatori, anche se siamo giovani lavoriamo nel settore ormai da anni, sappiamo quali sono i problemi distributivi, le carenze del settore, come nasce un libro, cos’è un codice ISBN, non facciamo editoria solo perché ci piace leggere o perché pensiamo che il nostro vicino di casa scriva tanto bene (scusa Pino, non scrivi poi così male).
In cosa crediamo
Crediamo che un piano editoriale abbia il grande onere ed onore di promuovere cultura, intesa come capacità di trasmettere ad altri delle sensazioni, delle emozioni, di condividere un mondo interiore.
Desideriamo che la casa editrice sia facilmente identificabile con ciò che promuove, che un lettore possa affidarsi a noi per la scelta dei propri momenti di “svago”. Quale onore più grande per un editore? Ma che responsabilità!

Dove vogliamo andare
Noi ci vogliamo provare! Useremo tutti i mezzi, i più tecnologici, i più innovativi, faremo un gran baccano, ci muoveremo dentro e fuori la rete per trovare tutto ciò a cui la gente è veramente interessata, quello che le persone desiderano.
Vogliamo che il nostro progetto sia di tutti coloro che, anche solo per un momento, vorranno farlo proprio, saremo attenti, presenti e interattivi, questa la nostra promessa…
La vostra promessa, invece, è di essere presenti, collaborativi, di farvi sentire, di leggere e scrivere con noi.
Perché ogni casa editrice è i suoi scrittori, ma soprattutto i suoi lettori!

Mamma mi sono innamorata di un tronista di Manuela Blasi.
Lalla ha venticinque anni, vive a Roma, divide un appartamento con altre cinque ragazze e, dopo aver preso una laurea e due specializzazioni, per lavorare non trova altra soluzione che accettare la proposta di un’agenzia e mettersi a fare la cubista. Tra le luci delle discoteche e le atmosfere equivoche dei privé, Lalla incontra Simone, per lei un assoluto sconosciuto, per le sue colleghe cubiste un volto reso più che celebre dalla fortunata trasmissione Uomini e donne a cui il ragazzo partecipa in veste di tronista. Finalmente assunta come assistente alla produzione di un programma televisivo, Lalla si realizza da un punto di vista professionale e, negli studi di Cinecittà, si imbatte nuovamente in Simone. Questa volta il colpo di fulmine non tarda ad arrivare. Lalla scopre che Simone non è un “bello senz’anima” ma un ragazzo sensibile, capace di farla innamorare.
Per conquistare l’oggetto dei suoi desideri, Lalla non ha scelta. Si presenta a Uomini e donne e inizia in diretta un serrato corteggiamento. Fra aspri scontri con le altre sfidanti e uscite in esterna con Simone, la trasmissione si avvia verso la conclusione. Simone fa la sua scelta e Lalla, al settimo cielo, può finalmente gridare in mondovisione: Mamma mi sono innamorata di un tronista…

edito newton e compton edition.
prezzo 9 euro

Lulu
Il progetto è stato realizzato da un imprenditore canadese, Bob Young, non nuovo ai grandi colpi di genio come quello che lo vede partecipare alla fondazione di Red Hat, la compagnia che ha lanciato nel mondo il software Linux. Questa è invece la volta dell’editoria. Evidentemente scottato dal fallimento delle vendite del suo libro «Under the radar», Mr. Young non si è fatto scoraggiare, ma ha usato i libri per costruirsi l’ufficio.
Lulu è un sito (www.lulu.com), un po’ come una libreria virtuale (da questo punto di vista assomiglia ad Amazon) a cui l’utente può connettersi e scaricare l’opera (letteraria musicale o fotografica che sia) che gli interessa nel formato che preferisce (Pdf, Dvd o nelle forme tradizionali).
Gli autori pubblicano online e non devono cedere i diritti sull’opera a nessuno, possono modificarla qualora lo ritengano opportuno. Per quanto riguarda i guadagni la percentuale che spetta all’editore nel sistema previsto da Lulu è solo del 20%, il rimanente 80% è destinato all’autore (contro il misero 10% del vigente modello). Non solo ma la percentuale dell’editore è esclusivamente sul venduto e non ci sono soglie minime che un titolo deve raggiungere.

Una vita normale. Diario di una fata di cittàdi Enrica Maschio
Con questo libro, Enrica ci accompagna a conoscere gli spiriti di natura che vivono in città, costretti dalla cementificazione urbana a ritagliarsi piccoli spazi nei giardini e nei piccoli parchi. Non per questo le loro vite sono meno brillanti e felici, ed è proprio questo loro esempio che può spingere chi di noi vive in città a trovare la bellezza in quei fili d’erba che spuntano fra una piastrella e l’altra dei marciapiedi. Chiunque legga questo libro con apertura di cuore e sincerità aumenta, con la forza del suo pensiero, i territori “sicuri” per tutti gli spiriti di natura di tutte le città.

120 di Maurizio Valtieri
Luca si sente prigioniero di una vita che non lo diverte più, ostaggio del suo ragazzo, dei suoi amici e di sua madre, quando eredita la casa lasciatagli da uno zio psichiatra. Nella casa, eletta a rifugio da una società mediocre ed omofoba, mentre l’unica soluzione sembra quella di farla finita, si imbatte in 14 cassette nascoste in un finto libro. Comincia così il suo viaggio iniziatico, guidato dai monologhi registrati di presunti pazzi, “ospiti” della clinica dello zio, condannati a vivere in un mondo colorato di rosa. Aggirandosi nudo per casa, fumando spinelli e bevendo alcolici, Luca fa i conti con i propri fantasmi, fin quando non gli sarà chiaro che l’unico modo per sfuggire alla follia è rifugiarsi nella follia

Il team di Libri Metropolitani ha scovato una nuova casa editrice che merita la nostra attenzione.Abbiamo chiesto alla gentile Bianca Adriano,l’editore capo, di presentarla:

“Nata da un’idea di Bianca Adriano, appassionata di libri ma con studi economici alle spalle, edizioni 9muse.net è una giovane casa editrice attenta ai nuovi autori, alle nuove idee e agli strumenti di comunicazione che possono arrivare ovunque.
Abbiamo scelto internet come principale mezzo perché ci permette di dialogare con i nostri autori e i nostri lettori direttamente, senza filtri e senza ostacoli e ci garantisce una presenza continua.
Utilizziamo tutte le possibilità che le nuove tecnologie ci offono: libri in formato elettronico da scaricare subito, audiolibri in formato mp3 da ascoltare in qualsiasi momento, video attraverso la piattaforma di YouTube, senza rinunciare alla forma più tradizionale: la carta stampata.
Allo stesso modo, la promozione sarà diversificata, complementare e, in linea di massima, non escluderà nessun canale e questo riguarderà sia gli autori che edizioni 9muse.net.
La nostra linea editoriale predilige romanzi di formazione, romanzi ironici e brillanti, scrittura al femminile, noir e polizieschi.
Cerchiamo storie che incollino il lettore alle pagine, che lo coinvolgano fino all’ultima riga; storie che facciano sognare, riflettere, sorridere, appassionare; storie che rimangano anche dopo
aver ultimato il libro e riposto sullo scaffale della libreria.
Cerchiamo quei libri come li definisce il protagonista de Il giovane Holden quando dice: “Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira”.
Chi non vorrebbe leggere delle storie così?”

noi di certo si, aspettiamo di leggere il primo libro in uscita a fine febbraio. Anche voi, seguitela.

Il sito internet: 9 muse
Il blog.


Facciamo (un) casino.
Di Alessandra Del Prete

Recensione di Io e Papperina
Alessandra Del Prete ha collaborato con il “Mattino dei giovani” con il “Giornale di Napoli” e altre testate. E’ responsabile del settore spettacoli per “Napolipiù” e questo è il suo secondo romanzo.
Ho trovato il suo libro per caso e il titolo mi ha incuriosito. Comincio a leggere e mi accorgo che non sono l’unica ad aver sognato di aprire un casino; lei più giovane, lo fa mettere on-line dalla protagonista. Ma il sogno è sempre sogno e, anche se fatto diversamente, rimane sempre tale e quando scopri che il libro il tuo sogno lo riesce a realizzare, e anche ti da un finale inaspettato, allora il libro per è un successo.E’ ironico, scorrevole, simpatico. E’ un po’ la vita di tutti i giorni e di tutti di noi. In fondo il bello di un libro è riuscire a farti calare nella fantasia che nasce dal quotidiano e Giulia, con Tilde e Nina, ci porta dalla prima pagina all’ultima, attraverso giornate piene di tutto dall’allegria, alla delusione, alla sofferenza, alla gioia di ridere, con tutti gli imprevisti, in fondo previsti, del mondo di oggi, con la difficoltà di arrivare alla fine del mese, il dover a volte far da genitore ai genitori e infine, perché no, inventare un casino popolato solo da personaggi di fiaba. Ma la loro non sarà un’idea nuova! Il libro , invece, secondo me lo è.

Come precedentemente vi abbiamo accennato il Team di Libri Metropolitani è molto attento,non solo ai libri letti e in uscita, ma anche alle case editrici che prendono vita e forma. Che partono da un’idea, spesso di una mente giovane.
Oggi dedichiamo questo spazio a Edizioni Las Vegas. curata da Andrea Malabaila.

Las Vegas edizioni nasce a Torino nel 2007. Il primo passo che ha portato alla sua nascita è stato quello di seguire il percorso del MIP (Mettersi in proprio) della Provincia di Torino e redigere il business plan, il secondo quello di cercare autori e storie che dessero vita con entusiasmo e qualità ai libri da pubblicare.
Malabila durante un intervista specifica :”Vogliamo curare al massimo i nostri libri. E questo vale per tutti gli aspetti, a partire dalla copertina che deve essere accattivante ma anche riconoscibilmente nostra. Potremmo dire che ogni titolo è un mondo a sé, ma l’editore deve creare un universo coerente. Anche per questo preferiamo pubblicare pochi titoli all’anno, per poterli seguire al meglio in tutti gli aspetti, dall’editing alla promozione. La promozione è orientata attraverso tutti i canali tradizionali (presentazioni, invio copie a giornali e riviste…) ma anche attraverso modalità alternative che verranno studiate di volta in volta, a seconda del titolo da promuovere. Vogliamo puntare molto sul nostro marchio, farne un brand riconoscibile soprattutto tra i giovani. Per questo, siamo aperti anche a realtà come il bookcrossing o addirittura l’utilizzo di copie omaggio – altrimenti destinate al magazzino o peggio ancora al macero – come lancio promozionale.”
Las vegas Edizioni dunque non è solo una casa editrice. È il posto in cui tutto è possibile, un universo abitato da storie che sarebbe un peccato non raccontare. Storie giovani, ironiche, rock, romantiche, glamour. Che hanno un inizio, uno svolgimento e una fine (non necessariamente in questo ordine). Ma, soprattutto, che hanno stile.

Presentazione di uno dei libri in catalogo: Il diario dei sogni di Marco Candida .

Verino Lunari, ventottenne disoccupato, in seguito a una serie di violenti attacchi di panico comincia a assumere quotidianamente una compressa di Cipralex, un antidepressivo che come sorta di effetto collaterale gli provoca ogni notte sogni vividissimi. Verino decide di registrare i suoi sogni in un diario, e in seguito di stendere un resoconto dove riportare quelli per lui più significativi. Qui è come se ci offrisse di entrare nella sua stanza segreta delle follie. Dentro ci si trova di tutto. Oggetti che respirano. Fantasmi dell’aldilà che perseguitano persone all’indirizzo sbagliato. Demoni “posseduti” da esseri umani. E molto, molto altro ancora. Presto, però, ci accorgiamo che Verino racconta di sogni dove protagonisti sono sempre i suoi amici e immancabilmente lei: Veronica, la sua ex-fidanzata… In un crescendo di sovrapposizioni tra realtà, sogno, immaginazione e allucinazione, in questa storia d’amore e tradimenti la sola certezza è che niente fino all’ultimo è quel che sembra.

Marco Candida è nato nel 1978 a Tortona. Ha esordito nel 2007 col romanzo “La mania per l’alfabeto” (Sironi editore)
il suo blog

link Utili:Autori in cerca di editore
Sito internet
Blog

come abbiamo accenato in un articolo precedente,vogliamo dare luce a giovani case editrici che puntano molto sugli esordiente. Per dare una possibilità a voi scrittori in cerca di editori di conoscerli meglio. Di tirare fuori il romanzo che avete scritto è inviarlo.

Presentiamo Edizioni di Latta. Nata dalla passione per la letteratura in tutte le sue forme e dalla certezza che il desiderio di innovare debba essere perseguito e protetto, Edizioni di Latta è senz’altro una Casa Editrice non tradizionale. La forma unica di questa proposta editoriale, la sua forza e originalità risiedono anche nella carica vitale dello staff che lavora al suo sviluppo: prima fra tutti la fondatrice, Elena de Lalla, della cui energia si alimenta l’intero progetto, che di giorno in giorno cresce nel segno della professionalità e della determinazione.

Nata per esprimere in maniera nuova concetti e sentimenti, si impegna costantemente nella ricerca di nuove forme espressive, scandagliando il fertile sottobosco degli aspiranti scrittori per scoprire talenti inespressi. La sfida non la spaventa: benché molto giovane, Edizioni di Latta crede fermamente nei benefici di una crescita parallela dell’editore insieme ai suoi autori.
Tenace, resistente e con “l’anima di ferro” propria della latta, si lancia nel panorama letterario con uno spirito creativo e la penna impertinente dei suoi scrittori: storie forti, realistiche, spesso ciniche e socialmente scorrette, ma dolorosamente emozionanti.
Uno stile narrativo molto diretto che forgia storie al limite, suggestioni tattili, visuali, che scavano nella psicologia dei protagonisti spingendo il lettore a immedesimarsi e indagare se stesso. L’universo di Edizioni di Latta è eclettico ed esclusivo, attinge al naturale legame emozionale tra il lettore e il suo libro per proporre storie in grado di catalizzare attenzione, plasmare un carattere unico nel panorama letterario e rendere ogni libro parte integrante di uno stile di vita.
Per lo spiccato carattere cosmopolita che caratterizza Edizioni di Latta può definirsi una Casa Editrice del tutto trasversale tra il Vecchio e il Nuovo Mondo, grazie alle due sedi di Milano e New York. Pubblicando testi in italiano, in inglese e con testo a fronte, ha in sé la dinamicità dei giovani newyorkesi che affollano metropolitane e parchi coi loro libri comodamente infilati nelle tasche oversize, combinata alla praticità dei milanesi che affrontano le code giornaliere sollevati dalla compagnia di un libro.

La scuderia di autori è rappresentata da talenti puri, che con passione ed entusiasmo offrono se stessi alla carta e al lettore, allo scopo di creare una felice sintesi di letteratura viva, pulsante e profondamente partecipata. Ogni scrittore è inoltre chiamato a seguire le fasi che portano alla pubblicazione del suo manoscritto, affinché il prodotto editoriale rispecchi pienamente lo spirito originario e l’idea creativa di partenza.
Gli atteggiamenti borderline della mente umana sono esplorati pagina dopo pagina, le distorsioni del quotidiano declinate con profonda partecipazione, mentre i privati tormenti dell’autore si aprono al pubblico attraverso le pagine concitate, le storie appassionate, le poesie che scandagliano l’animo.

Per Info


Cocchetti M. Grazia – L’ autore in cerca di editore
Una pratica guida da viaggio nel paese degli editori, dedicata agli scrittori inediti, ma anche agli autori professionisti, ai narratori, ai saggisti, ai traduttori, agli illustratori in cerca di editore. Un testo utile per gli allievi dei laboratori di scrittura e per gli studenti dei corsi di laurea in Scienze della comunicazione.


Io e Papperina” è una delle cose che Margherita Zannini Lombardi scrive negli spazi di tempo che le permette il suo lavoro, ereditato dal nonno materno Italo Lombardi, cioè gestisce delle imprese funebri in varie sedi. Tra un funerale e l’altro dedica il suo tempo a Lulù, la sua cagnolina, ai fiori, alle piante, e ai molti libri che legge. Attualmente vive a Chioggia pur mantenendo la sua abitazione patavina come riferimento alle sue origini.
Dal suo blog (www.ioepapperina.it), ecco come lei definisce il suo libro:
Panta rei: Questo è il succo di questo libro, che descrive le cose che possono capitare a tutti e che ovviamente sono capitate a me.
E’ uno spaccato della mia vita e del modo in cui io vorrei prenderla.
Essendo una palla in tutti i sensi ho scritto a tutto tondo a partire dal mio lavoro per finire con le persone che mi sono vicine.
Praticamente sono le esperienze di circa un anno di vita dove ci sono momenti allegri e momenti un po’ più tristi.
Insomma questa è la vita e la vita scorre… panta rei.

Noi che l’abbiamo letto lo abbiamo trovato diverso da un libro classico. Il linguaggio è quello parlato, anzi, conoscendo Margherita, è come dialogare con lei. La sensazione è quella di un’interazione con l’autrice, si entra nel suo mondo, si vivono le sue esperienze che poi si trasformano nelle nostre. Si passa in continuazione dal serio al faceto e si realizzano delle contraddizioni e paradossi. Si entra nella vita di un’altra persona, si scoprono i suoi pensieri, ma non elaborati, sistemati, come richiederebbe un libro, ma così come nascono e come rimangono e rimbalzano nella mente di chi li ha concepiti. Si scopre come sono stati superati momenti difficili, sdrammatizzandoli per renderli accettabili.

Editore: Libreria Editrice “Il Leggio” – Chioggia
ISBN 88-8320-084-8

oggi inauguriamo una nuova categoria: scrittura. Uno spazio dove vengono segnalate attività,concorsi, case editrici affidabil, libri consiglieri per tutti gli aspiranti scrittori.
come sempre,contiamo su di voi.


Come pubblicare il primo libro e difendersi dagli editori a pagamento di Silvia Ognibene
Avete un manoscritto nel cassetto e volete pubblicarlo?”La modalità è quella di stabilire una corretta misura di partecipazione finanziaria fra la casa editrice e il proprio autore. Si tratta di una prassi consolidata”. Parola di Libroitaliano, uno dei più noti tra i cosiddetti “editori a pagamento”, che stampano i libri se gli autori mettono mani al partafogli.
Ma è giusto pagare per pubblicare?
Ed è proprio vero che non esiste alternativa?
Esordienti da spennare è un viaggio nel sottobosco di un’editoria “parallela” che promette di stampare opere di esordienti dietro compenso, ma che difficilmente le farà arrivare sugli scaffali delle librerie. Questo libro-inchiesta racconta come funziona l’editoria a pagamento e fornisce agli aspiranti autori gli strumenti utili per difendersi da proposte editoriali senza via d’uscita.

editore:terre di mezzo.